Il metodo di lavoro Nebo

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Il metodo di lavoro sviluppato da Nebo nelle sue esperienze è formalmente articolato in sei punti, tre dei quali
(primo, secondo e sesto) di carattere tecnico ed i restanti tre (terzo, quarto e quinto) di carattere etico/comunicativo.

1. Il principio ottico ~ La fotografia segue leggi precise. Nebo osserva formalmente i principi legati alla messa a fuoco degli oggetti di interesse: a. non è utile alla decisione un eccesso di punti di attenzione contemporaneamente messi a fuoco; b. è utile consentire anche al medesimo decisore differenti livelli di zoom, facilmente accessibili ma distinti fra loro, ciascuno caratterizzato da uno specifico (e distinto) livello di attenzione.

metodo2. Il principio dell’autorevolezza e trasparenza metodologica ~ È il secondo dei tre principi “tecnici” del metodo Nebo: realizzare prodotti conoscitivi verificabili e autorevolmente fondati (il terzo ed ultimo “principio” tecnico è esposto in coda al presente elenco).

3. Il principio del consenso interno ~ Nebo ha affinato nel tempo le proprie capacità professionali di elaborare soluzioni di consenso nell’ambito di gruppi di lavoro diversificati ed eterogenei: a titolo esemplificativo responsabili di politiche di bilancio di diverse regioni italiane ovvero addetti al sistema salute nazionale caratterizzati da missioni istituzionali diversificate come Ministero della Salute, Istat, Istituto Superiore di Sanità.

4. Il principio del consenso esterno ~ L’esplicita attenzione agli aspetti di comunicazione si poggia robustamente sull’intera architettura del metodo Nebo ma trova una propria dignità individuale nello sforzo di realizzare prodotti conoscitivi utili e comprensibili a diverse categorie di utenti individuate nei decisori ai diversi livelli di governo desiderati (cioè i veri destinatari dei prodotti conoscitivi realizzati) ma anche nel pubblico in generale, se necessario attraverso il filtro degli organi di comunicazione, oltre che del livello decisionale più propriamente politico.

5. Il principio dell’orientamento a comportamenti virtuosi ~ Il terzo e ultimo principio di carattere etico/comunicativo adottato da Nebo consiste nel contribuire a tarare i prodotti conoscitivi realizzati in modo esplicitamente orientato a indurre comportamenti migliorativi consensualmente individuati.

6. Il principio della verificabilità dei risultati raggiunti ~ Il sesto ed ultimo requisito esplicitamene incluso nel metodo Nebo è la oggettiva verificabilità, nel medio periodo, dei risultati raggiunti al servizio delle politiche pubbliche individuate (es. la riduzione della mortalità evitabile).